Vai ai contenuti
Attenzione!! Sei sul vecchio sito dell'Università degli Studi di Udine. Vai al sito nuovo
Home page Università di Udine
Corsi di laurea Mappa del sito Dipartimenti URP Help desk Sistema bibliotecario Cercapersone Servizi informatici
Home DISA Laboratorio Apistico Regionale FVG Cos’è e dove si trova
Dimensione del testo: A A A A

Home DISA

Persone

Ricerca

Eventi

PhD School ASB

Laboratorio Apistico Regionale FVG

AREA RISERVATA Documenti DISA

NEWS

Servizi

MATERIALE CORSO "SICUREZZA IN LABORATORIO"

Bacheca delle Opportunità

Scuola di Fauna

Programma Interreg Italia-Slovenia - Progetto Agri-Knows

Cos’è e dove si trova

 

Sede: Dipartimento di Scienze AgroAlimentari Ambientali e Animali (DI4A), via delle Scienze 206, 33100 Udine
Tel.: 0432/558515, Fax: 0432/558501
Orario sportello aperto al pubblico: martedì 10.00 – 13.00
e-mail: larfvg.disa@uniud.it


Il Laboratorio Apistico Regionale (LAR) è stato istituito dall’ERSA, nel 1984, presso l’Istituto di Difesa delle Piante dell’Università di Udine, dove, dopo l’avvio della Facoltà di Agraria, nel 1979, era stato costituito un gruppo di ricercatori di apidologia, coordinato dal prof. Franco Frilli.
Da qualche anno, il LAR è stato riconosciuto dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia con la Legge regionale n. 6 del 18 marzo 2010, denominata: “Norme regionali per la disciplina e la promozione dell'apicoltura” (B.U.R. n. 12 del 24 marzo 2010).
Nel 2011 il LAR è stato costituito presso il Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali (DISA) (ora Dipartimento di Scienze AgroAlimentari Ambientali e Animali - DI4A) dell’Università di Udine e viene finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia.

Il LAR è impegnato nella promozione e nella salvaguardia dell'apicoltura a livello regionale. In particolare, attraverso il Laboratorio viene fornito supporto tecnico e/o formativo ai Consorzi di Apicoltori regionali, Esperti apistici, singoli apicoltori, autorità deliberanti in materia.

Attualmente, il LAR è guidato dal prof. Francesco Nazzi in qualità di responsabile scientifico e si avvale della collaborazione dei seguenti ricercatori: dott. Desiderato Annoscia, p.a. Mauro D’Agaro, prof. Pietro Zandigiacomo.

 

Credits